Lun. Dic 5th, 2022

    In 10 giorni di guerra la Russia ha sparato più di 400 missili sull’Ucraina – asili, ospedali ed edifici residenziali sono stati distrutti.
    Microsoft, Bill Gates, Satya Nadella vi prego di aiutarci a fermare ciò – bloccate l’accesso ad Azure, Skype e GitHub dalla Russia.

    Con questo Tweet il vice e premier nonché ministro per la Trasformazione Digitale, Mykhailo Fedorov, chiede a Microsoft l’interruzione dei servizi digitali.

    Il ministro allega, inoltre, al tweet la richiesta protocollata ed indirizzata direttamente al CEO di Microsoft, Satya Nadella:

    Caro signor Nadella,

    come lei sa, l’Ucraina è ora in prima linea nella difesa dei principi di
    democrazia e libertà di fronte alla guerra condotta dalla Federazione Russa.


    Apprezziamo l’aiuto che Microsoft fornisce alla gente in Ucraina, e siamo
    grati per la sospensione di tutte le nuove vendite di prodotti e servizi Microsoft in Russia. Nel frattempo, è già l’11° giorno che la Federazione Russa continua a attaccare gravemente e distruggere oggetti infrastrutturali, edifici civili e uccidere innocenti civili innocenti, tra cui donne e bambini.

    Pertanto, chiediamo alla vostra azienda di terminare qualsiasi relazione esistente e smettere di fare affari nella Federazione Russa finché l’aggressione russa in Ucraina sia completamente fermata e l’ordine giusto sia ripristinato.

    Ci appelliamo a voi per interrompere le relazioni con tutti i clienti e partner con sede in Russia, compresa la fornitura di prodotti Microsoft come Teams, Skype, Github, Microsoft 365, la fornitura di servizi di supporto tecnico e manutenzione da parte della vostra azienda e delle sue affiliati alla Federazione Russa.
    Speriamo che anche i vostri partner siano desiderosi di sostenere questa tendenza, dimostrando la loro posizione fondamentale e l’unità contro la guerra illegale condotta contro il paese sovrano paese dell’Ucraina.

    Crediamo fermamente che i prodotti che avete creato per il mondo libero e democratico non dovrebbero essere usati nel paese che cerca di privare l’Ucraina della sua libertà e democrazia.

    Numerose aziende di vari settori in tutto il mondo si sono già unite alla protesta per sostenere l’Ucraina. Nel settore finanziario, MasterCard e Visa hanno bloccato i servizi di carte di credito al numero di banche del paese aggressore. Google, Apple
    servizi di pagamento hanno bloccato le carte delle banche russe per aver invaso l’Ucraina. Oracle, Samsung, Dell, Siemens e molti altri hanno sospeso tutte le operazioni nella Federazione Russa.

    Chiediamo il vostro sostegno, per quanto la protezione dei principi della democrazia e della pace è ora possibile solo con gli sforzi congiunti. Il governo ucraino condivide sinceramente i valori di libertà e democrazia e crede che continuare a servire le imprese IT come base per un’ulteriore crescita sia a livello globale che nei paesi, che si reggono sulle stesse basi.

    Ma come abbiamo detto sopra, non è più una questione di affari, è una questione di pace e di vita.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *