Lun. Dic 5th, 2022

    La compagnia ferroviaria italiana Ferrovie dello Stato Italiane (FS) ha detto mercoledì di aver temporaneamente interrotto alcuni servizi di vendita di biglietti perché temeva fossero stati presi di mira da un attacco informatico.

    “Da questa mattina, elementi che potrebbero essere collegati a un’infezione cryptolocker sono stati rilevati sulla rete informatica di Trenitalia e RFI”, ha detto la società in un comunicato. “La rete è attualmente in fase di controllo”.

    L’agenzia di stampa italiana Ansa ha citato fonti di sicurezza senza nome dicendo che il tipo di attacco ha suggerito che è stato il lavoro di hacker russi.

    Le FS, controllate dallo stato, hanno detto di aver sospeso la vendita dei biglietti nei suoi uffici e nelle macchine self-service nelle stazioni ferroviarie come misura precauzionale, mentre le vendite online funzionavano come al solito.

    Le interruzioni non hanno avuto un impatto sul traffico ferroviario che stava funzionando senza problemi, ha aggiunto FS.

    La rete ferroviaria gestita da RFI è lunga oltre 16.700 chilometri (10.400 miglia), di cui più di 700 km sono dedicati ai servizi ad alta velocità.